Convocazione della prima assemblea regionale dei GD del Molise

gennaio 1, 2009

Sabato 3 gennaio, alle ore 10,  presso l’Incubatore “Incontra” ( via Mons. Bologna, Campobasso) si aprirà la prima assemblea regionale dei Giovani Democratici del Molise

immagine1

Annunci

Regolamento per la prima assemblea regionale dei Giovani Democratici del Molise

gennaio 1, 2009

In PDF

 REGOLAMENTO PER LA PRIMA CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA REGIONALE

Articolo 1. L’Assemblea regionale

 

  1. L’Assemblea regionale dei Giovani Democratici del Molise è convocata per le ore 10,00 del 3 gennaio 2009 presso Campobasso, Incubatore di imprese dell’economia sociale “Incontra”.

  2. L’Assemblea è composta dai 18 membri eletti nei tre coordinamenti territoriali, che hanno diritto di voto nell’assemblea stessa.

  3. L’Assemblea risulta altresì immediatamente allargata in sede di prima convocazione, agli eletti nell’Assemblea nazionale nei tre coordinamenti territoriali.

  4. Il diritto di elettorato attivo sul segretario regionale è riservato agli eletti nell’Assemblea regionale; il diritto di elettorato passivo è riservato ai fondatori dei Giovani Democratici.

Articolo 2. L’Assemblea Regionale

 

  1. L’Assemblea regionale svolge funzioni di indirizzo e coordinamento politico dei Giovani Democratici del Molise.

  2. L’Assemblea elegge in prima convocazione il Segretario Regionale.

  3. L’Assemblea elegge in prima convocazione la Commissione Statuto e la Commissione Politica, composte rispettivamente da almeno 6 membri, rispettose di parità di genere e rappresentanza territoriale; sono eleggibili all’interno delle commissioni anche i delegati nazionali. La composizione e la presidenza delle commissioni devono essere votate dall’assemblea in prima convocazione.

  4. Il CPR ha facoltà di redigere una proposta di composizione delle due commissioni, di intesa con i coordinamenti degli eletti.

  5. L’Assemblea ha facoltà di eleggere una propria Presidenza, le cui funzioni sono svolte in sede di prima convocazione dal CPR. Il diritto di elettorato passivo è riservato ai fondatori dei Giovani Democratici.

Articolo 3. Modalità di elezione del Segretario Regionale

 

  1. Il Segretario Regionale viene eletto a scrutinio segreto dagli aventi diritto, che esprimono il loro voto in un seggio allestito durante la prima convocazione dell’assemblea.

  2. La candidatura a Segretario Regionale per essere considerata valida deve essere corredata dal 10% delle firme degli aventi diritto. Le candidature a segretario regionale devono essere presentate alla Presidenza entro le ore 11:30 della mattina del 3 gennaio 2009, corredate da un sintetico documento politico.

  3. Il seggio per l’elezione del Segretario viene allestito dalla commissione regionale dei garanti nominata dall’assemblea, su proposta della presidenza, prima dell’apertura del seggio. La commissione vigila sul corretto svolgimento delle operazioni di voto. Il seggio è aperto dalle 11,30 alle 17,30 del 3 gennaio 2009. Il seggio viene chiuso prima delle 17:30 qualora abbiano votato tutti gli aventi diritto. Non possono essere nominati nella commissione i candidati a segretario o alla presidenza.

  4. I candidati, prima dell’apertura dei seggi, presentano una dichiarazione d’intenti, corredata da un sintetico documento politico.

  5. Risulta eletto il candidato che abbia raccolto la maggioranza dei voti espressi validamente.

 

 

 

 

Articolo 4. Modalità di elezione del presidente dell’Assemblea Regionale.

 

  1. Il Presidente viene eletto a scrutinio segreto dagli aventi diritto, che esprimono il loro voto in un seggio allestito durante la prima convocazione dell’assemblea.

  2. Il CPR ha facoltà di indicare un candidato alla presidenza.

  3. Risulta eletto colui che abbia ricevuto la maggioranza dei voti espressi validamente.

 

Articolo 5. Direzione nazionale

 

  1. Il CPR ha facoltà di proporre all’assemblea regionale i delegati alla direzione nazionale dei Giovani Democratici.

  2. L’assemblea regionale può nominare due tra gli eletti all’assemblea nazionale, in parità di genere, come delegati nella Direzione Nazionale dei Giovani Democratici.

  3. Affinché l’eventuale elezione sia valida è necessaria una maggioranza di 15 voti validi.

 

Articolo 6. Commissione Politica

 

  1. La Commissione Politica predispone e presenta all’approvazione dell’Assemblea in seconda convocazione una “carta dei valori” e una “carta d’intenti” dei GD del Molise, e prende visione del dibattito intercorso in merito al Manifesto Politico nazionale.

  2. In prima convocazione la commissione presenta all’assemblea le linee generali dei documenti che si appresta a redigere.

  3. La commissione si scioglie al termine dei suoi lavori.

Articolo 7. Commissione Statuto

 

  1. La Commissione Statuto lavora alla predisposizione dello Statuto regionale dei Giovani Democratici del Molise, da presentarsi all’approvazione dell’Assemblea in seconda o ulteriore seduta di convocazione.

  2. La commissione, entro due settimane dal suo insediamento, presenta all’assemblea regionale uno “statuto regionale provvisorio”, che l’assemblea regionale deve approvare, eventualmente emendato, nella prima seduta utile. L’assemblea ha facoltà di approvarlo in prima convocazione.

  3. Entro due settimane dall’approvazione dello statuto nazionale, la commissione dovrà redigere lo statuto regionale dei GD del Molise. L’assemblea regionale è tenuta a discutere lo statuto nella prima seduta utile.

  4. La commissione si scioglie al termine dei suoi lavori

 

Articolo 8. Pubblicità dei lavori

 

  1. I lavori dell’assemblea regionale dovranno avere la massima pubblicità.

  2. Il CPR predispone un sito internet provvisorio, dove pubblicare un resoconto dei lavori della prima convocazione dell’assemblea.